Il corvo.

nn

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il corvo

Una volta, sull’orlo di una cupa mezzanotte,
mentre debole e stanco, immerso in tristi riflessi,
chino su un vecchio e raro libro di scienza dimenticata,
annuendo, quasi addormentato,
si udì improvvisamente un leggero bussare,
come se si toccasse dolcemente,
toccando la porta della mia stanza.
«È», mormorai, «un visitatore che
bussa alla mia porta.
Questo è tutto e niente di più. ”

Ah! quel lucido ricordo
di un freddo dicembre;
spettri di tizzoni morenti
riflessi sul terreno;
angoscia del desiderio per il nuovo giorno;
Invano, rendendo i miei libri più costosi, avrebbero
dato un periodo di riposo al mio dolore.
Dolore per la perdita di Leonora, l’unica,
radiosa vergine, Leonora chiamata dagli angeli.
Senza nome qui per sempre.

E il triste, vago, agghiacciante fruscio
della seta delle tende rosse
mi riempì di terrori fantastici
mai provati prima. Ed ora qui, in piedi, a
tacere il battito del cuore,
ripeto:
“È un visitatore alla porta della mia stanza che
vuole entrare. Qualche visitatore
che nel momento sbagliato vuole entrare nella mia stanza.
Questo è tutto e niente di più. ”

Ora, il mio spirito era vivace
e senza esitazione:
“Signore”, dissi, “o signora, imploro davvero il tuo perdono,
ma il fatto è che, assonnato
quando sei venuto a bussare,
così silenziosamente sei venuto a bussare,
bussare alla porta della mia stanza,
che stento a credere di poterti sentire. ”
E poi spalancai la porta:
oscurità e nient’altro.

Scrutando in profondità in quell’oscurità sono
rimasto a lungo, stordito, timoroso,
dubbioso, sognando sogni che nessun mortale
ha mai osato sognare.
Ma nell’insondabile silenzio la quiete taceva,
e l’unica parola pronunciata
fu il balbettio di un nome: “Leonora?”
L’ho pronunciato in un sussurro, e l’eco lo ha
restituito in un sussurro: “Leonora!”
Solo questo era, e niente di più.

Ritornando alla mia stanza, tutta la mia anima,
tutta la mia anima che bruciava dentro di me,
non mi ci volle molto per sentire di nuovo la commedia più forte.
Certamente, mi sono detto, sicuramente
sta succedendo qualcosa alla griglia della mia finestra.
Quindi fagli vedere cosa succede lì, in
modo che possa penetrare il mistero.
Lascia che il silenzio entri per un momento nel mio cuore,
così che io possa penetrare nel mistero “.
È il vento e nient’altro!

Con un colpo aprii la porta,
e con un leggero battito d’ali, entrò
un maestoso corvo
dei tempi santi.
Senza accenni di riverenza,
non restava un momento;
e con l’aria di un gran signore o di una gran dama
andò a posarsi sul busto di Pallade,
sull’architrave della mia porta.
Appollaiato immobile, e nient’altro.

Poi questo uccello d’ebano ha
cambiato le mie tristi fantasie in un sorriso
con il decoro grave e severo
dell’aspetto che vestiva.
“Anche con la tua cresta tagliata e moka”, gli dissi.
non sarai un codardo.
orrendo vecchio e minaccioso corvo.
Fuga dalla riva notturna.
Dimmi come ti chiami sulla riva della Notte Plutonica! ”
E il Corvo disse: “Mai più”.

Come mi stupì che un uccello
così allampanato potesse parlare così chiaramente;
sebbene la sua risposta significasse poco.
Non era affatto rilevante. Perché possiamo
solo concordare sul fatto che nessun essere umano
è mai stato benedetto dalla visione di un uccello
appollaiato sull’architrave della sua porta,
uccello o bestia, appollaiato sul busto scolpito
di Pallade sull’architrave della sua porta
con un tale nome: ” Mai più. ”

Ma il Corvo, appollaiato da solo sul sereno busto.
le parole che pronunciava, come se riversasse la
sua anima proprio in quelle parole.
Niente altro detto allora;
non ha mosso una piuma.
E poi mi sono detto, mormorando appena:
“Altri amici se ne sono andati prima;
Domani anche lui mi lascerà,
perché le mie speranze mi hanno abbandonato “.
E poi l’uccello disse: “Mai più”.

Scioccato per aver rotto il silenzio con
parole così adatte,
“senza dubbio, ho pensato, senza dubbio quello che dice
è tutto ciò che sa, il suo unico repertorio, appreso
da uno sfortunato maestro
perseguito da un empio disastro , molestato senza sosta
fino alla sua canzone Solo aveva un senso,
finché i canti funebri della sua speranza non
portavano che quella malinconica carica
di “Mai, mai più”.

Ma il Corvo riusciva ancora a strappare
un sorriso alle mie tristi fantasie;
Ho tirato su un morbido sedile
davanti all’uccello, al busto e alla porta;
e poi, sprofondando nel velluto,
ho cominciato a collegare una fantasia con un’altra,
pensando a cosa questo minaccioso uccello del passato,
cosa questo cupo, allampanato, orribile,
magro e minaccioso uccello del passato
intendesse gridando: “Mai più”,

Stavo meditando su questo, seduto, senza dire una parola, di
fronte all’uccello i cui occhi, come marchi ardenti, mi
bruciavano fino in fondo al petto.
Questo e altro, seduto, immaginò,
con la testa reclinata
sulla fodera vellutata del cuscino
accarezzato dalla luce della lampada;
nella fodera di velluto viola
accarezzata dalla luce della lampada
che lei non avrebbe oppresso, ahimè, non più!

Poi mi parve che l’aria
si facesse più densa, profumata
da un invisibile incensiere cullato da serafini i
cui passi tintinnarono sulla moquette.
“Disgraziato”, dissi, “il tuo Dio ti ha concesso,
per questi angeli ti ha concesso una tregua, una
tregua dai tuoi ricordi di Leonora!”
Sbrigati, oh, sbrigati questa dolce nipote
e dimentica la tua assente Leonora! ”
E il Corvo disse: “Mai più”.

“Profeta! Ho esclamato: “cosa diabolica!”
Profeta, sì, uccello o demone
mandato dal Tentatore, o scagliato
dalla tempesta, in questo rifugio cupo e imperterrito,
in questa terra deserta infestata,
in questa casa infestata dall’orrore!
Profeta, dimmi, ti imploro davvero,
c’è, dimmi, c’è un balsamo a Galaad?
Dimmi, dimmi, ti supplico! ”
E il corvo disse: “Mai più”.

“Profeta! Ho esclamato: “cosa diabolica!”
Profeta, sì, uccello o diavolo!
Per quel cielo che si curva sopra le nostre teste,
quel Dio che tu ed io adoriamo,
dì a quest’anima sopraffatta dai dolori se nel remoto Eden
terrà tra le sue braccia una santa fanciulla
chiamata dagli angeli Leonora,
terrà tra le sue braccia una rara e radiosa vergine
chiamata dagli angeli Leonora! ”
E il corvo disse: “Mai più”.

“Che quella parola sia il nostro segnale di partenza,
uccello o spirito maligno! Ho urlato presuntuosamente.
Torna alla tempesta, sulla riva della Notte Plutonica.
Non lasciare alcuna piuma nera, pegno della menzogna
che il tuo spirito ha pronunciato!
Lascia intatta la mia solitudine.
Lascia il busto sull’architrave della mia porta.
Togli il tuo becco dal mio cuore
e la tua figura dall’architrave della mia porta.
E il Corvo disse: Mai più “.

E il corvo non ha mai preso il volo.
È ancora appollaiato, è ancora appollaiato
sul pallido busto di Palas.
sull’architrave della porta della mia camera da letto.
E i suoi occhi hanno l’aspetto
di un demone che sta sognando.
E la luce della lampada che viene sparata su di lui proietta la
sua ombra sulla terra. E la mia anima,
dalle profondità di quell’ombra che galleggia per terra,
non può liberarsi. Mai più!

Il corvo.ultima modifica: 2021-02-19T09:26:07+01:00da ilcorrierediroma
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr