Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 218
 

 

« E parlar di surgelati...EDULCORANTE »

RECENSIONI Tuttalpiù muoio di Albinati e Timi

Post n°35 pubblicato il 15 Agosto 2007 da sara_1971

Il libro è un viaggio a ritroso nel passato del protagonista Filo, attore teatrale balbuziente, quasi cieco e omosessuale senza il becco di un quattrino, narrato in una prima persona tendenzialmente biografica.

Quando si scava dentro il proprio vissuto, e lo si fa con rabbia, senza domandarsi se la propria vita potesse essere diversa, quello che si ottiene è una catarsi liberatoria in un ordine cronologico di cui spesso salta la traccia.

Da una Umbria ancora legata ai ritmi della campagna fino alla Roma modaiola e alternativa, passando per la propria infanzia difficile, gli amori vissuti e quelli soltanto desiderati, gli incontri gay alle “Spiagge”, la cugina disabile, le zie, il rapporto con la sorella Cristina, tutto è sconfitta e arte dell’arrangiarsi, in un crescendo di emarginazione e attacchi epilettici.

La vita, scriveva Pirandello, o la si vive o la si scrive. Filo ha scelto di rappresentarla attraverso un personaggio devastato e devastante, tra disincanto e fatica di vivere.

La struttura della narrazione è minimale e rende bene l’idea del personaggio, lo stile  è denso di accordi fulminanti, quasi fosse una partitura bivocale.

La balbuzie tra le sue dita diventa più lieve e consapevole e la babele di sotterfugi e traumi e inclinazioni sessuali diventa patrimonio universale da confessare con pachidermica sincerità e inguaribile ottimismo antropologico.

Il teatro è tutto ciò che Filo ha ed è una delle poche cose che non riesce a distruggere, il palco è quello dove ci esibiamo tutti. E tu che leggi, anche se sei abituato a preservarti dal dolore, non puoi fare a meno di soffrirci.

Una irrefrenabile e tragica comicità che solo taluni sanno portarsi addosso senza usarla come monito o come scusa, che ti raggiunge in mezzo a sospiri di sollievo per non essere nato così sfigato.

Voce narrante ritenuta autoreferenziale e soprattutto volgare dalla frangia di lettori più ortodossi, ma veritiera e che va sempre a segno. Esattamente quello che diventa una voce quando pensieri viscerali sono finalmente liberi di posarsi su carta.

Un linguaggio della complicità e della comunicazione che riesce nel compito non facile di evocare delizie e atrocità anche al di fuori del romanzo, lasciandoti la fastidiosa sensazione che la convivenza tra uomini sia qualcosa di più di un letto disfatto. E la inadeguatezza lo scotto da pagare per non essere un adulto maschio bianco della varietà comune.

Leggetelo: a scuola, in parrocchia, sulla pista di pattinaggio, nella giungla dei ritrovi gay, tra le quinte del palcoscenico, a letto. Ancora: in piedi sulla metro, sugli autobus, camminando per strada, a letto, dietro i fascicoli in ufficio: leggetelo.

Perchè ci sono cose che vorremmo dimenticare ed invece siamo costretti a portarci sul groppone, perché non è che ci sia dato sempre di scegliere, perché la realtà è greve ed è sempre bene riuscire ad emozionarsi al di là del bene e del male. E questo è un libro che spinge il lettore ad amare. E non solo il teatro.

Sconsigliato: a quelli che hanno appena scoperto che il proprio figlio/partner/ è omosessuale (aspettate qualche mese a leggerlo, ve lo dico col cuore, giusto il tempo di abituarvi all’idea), a quelli che leggono solo per farsi una cultura, a quelli che nelle disgrazie altrui non vogliono entrarci perché hanno già troppi problemi, a quelli che io i froci proprio non li sopporto.

Consigliato: a tutti gli altri, a quelli che non temono furore e tenerezza soprattutto.

PS: La recensione arriva con notevole ritardo dato che il romanzo è stato edito nel marzo 2006 ma la frenesia che ti prende quando un libro ti piace non ti fa riflettere molto sui tempi e sui modi dello scrivere.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

la.cozzaarchetyponBinxusxileopowaquatsiPRONTALFREDOmino27GEGNOantonioilicorazio_dimauroperla755sagredo58phoenix_182kevinarnold0Drakkar77
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom