Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 219
 

 

« C'è post@ per me: Annun...Consigli per gli acquisti »

Cazzaturificio: C'eravamo tanto amati

Post n°60 pubblicato il 14 Settembre 2007 da sara_1971

Luogo: civettuolo ristorante sul mare, ambiente adatto per conversazioni a lume di candela, piacevoli incontri, ricorrenze, riappacificazioni e, perchè no, per buongustai.

Attori protagonisti: coppia allo sfascio destinata a sfancularsi di brutto, aria mefitica da fine rapporto (per intenderci quando qualche piccola discrepanza può dare adito ad una tragedia della follia consumata davanti agli occhi di camerieri attoniti) e toni non proprio da due che hanno scoperto di amarsi ancora.

Comparsa: Sara_1971

Breve riassunto del loro disastroso passato: Lei cornificata ad oltranza per anni prende atto della propria situazione di cervo femmina soltanto quando Lui finalmente capisce di amare la sua fedele compagna e non le altre… naturalmente  (e che ve lo dico a fare?) ora c’è di mezzo un altro uomo.

Mai stata brava con i giri di parole, non so se si era capito…

Lui sfoggia un sorriso esagerato da uomo che vive nel migliore dei mondi possibili, Lei un’aria ingrugnita e scocciata. Sembrano lontani i tempi in cui Lui cesellava la data su un ceppo mentre Lei  lo osservava estasiata.

Perché stanno ancora insieme? Mistero.

Ordiniamo. La conversazione procede magistralmente al tavolo.

Sara: Beh, che avete fatto sabato?

Lei: Prima ha sfoggiato la sua abilità di calciatore davanti a quindicenni ammirate poi siamo andati al solito con i soliti.

Lui: Se ti annoi perché non proponi tu qualcosa?

(L’inizio è già presagio di soap)

Arrivano gli antipasti.

Lui: E tu non sei partita?

Lei: Ti ha appena detto del mutuo, non sei carino.

(Io muta inizio a guardare l’orologio)

Siamo al primo. Volendo potrei premasticare ad entrambi la pasta per fare prima.

Lui: Sai che sto andando in palestra? Sono dimagrito

Lei: Ce ne siamo accorte tutte.

(cerco un oggetto immaginario nella borsa, non lo trovo, prego in silenzio l’arrivo del cameriere)

Lui: Mi fai chiamare un attimo dal tuo cellulare?

Lei: E’ scarico

(io dico che presumibilmente è carico di messaggi dell’altro ma stendiamo un velo pietoso)

Secondo.

Si aprono le danze.

Lui: Ma non eri a dieta?

Lei: Cos’è? Hai nostalgia di quella anoressica che ti sei scopato?

(perché non sono rimasta a casa col cane? Perché?)

Segue furiosa litigata

A seguire alcuni stralci:

Lei: Tu non hai il diritto di dirmi proprio niente dopo tutto quello che mi hai fatto

Lui: Tu me lo stai facendo ora.

(NO, vi sbagliate entrambi: lo state facendo voi a me)

Lei: Uscire con te vuol dire solo fare parti di merda

(concordo ma declinerei al plurale)

Lui: E allora trovatene un altro

(direi già fatto)

Tutto questo conferma, semmai ce ne fosse bisogno, che non esiste un modo gradevole per mettere unilateralmente fine ad una storia: rassegnatevi.

Consigli per le innocenti comparse:

Nel silenzio quasi assoluto che consegue a tutto questo provate a principiare un discorso buttando lì una breve frase, 4-5 parole al massimo, in una chiave apparentemente fuori contesto. Qualcosa tipo: “ma poi che fine ha fatto Gianni, te lo ricordi?”

E attendete speranzosi la reazione.

Se di rimando udite una sola nota bassa da flauto che parla di malavoglia del suddetto Gianni, ascoltatela con finta partecipazione e circondatela di trepidanti premure quasi fosse una fiammella che nella notte rischi di spegnersi.

Se invece udite solo l’eco di una torva quiete sappiate che la tempesta è nuovamente imminente e l’unica soluzione resta quella di chiedere il conto.

In ogni caso la prossima volta rimanete a casa a vedere un programma della De Filippi (non cambia nulla) e quando vedete il numero di uno dei due abbiate la decenza di non rispondere.

E come al solito ringraziatemi per avervi avvertiti… 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

archetyponorazio_dimauroBinxusperla755sagredo58phoenix_182kevinarnold0Drakkar77Elemento.Scostantehedo66mariotti.diegomaxicontemaxfasten.1sfizio65Danes0
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom