Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 219
 

 

« ScientologyC'è post@ per me: Nuova... »

Facciamo finta che

Post n°195 pubblicato il 28 Gennaio 2008 da sara_1971

Diciamo la verità:  sarebbe carino se almeno una volta al mese io riuscissi a scrivere un post ordinario, magari vezzosamente tenero, in cui vi parlo della mia quotidianità senza fare ricorso  a metafore che rimandino a turpi realtà colme di sfighe.

Non pretendo di essere felice, per carità, gradirei solo essere leggermente più normale. Ma evidentemente non è nel mio karma.

 

Facciamo finta che.

Lavoro:

Ieri la mia Direttrice di Istituto mi ha accordato ben volentieri il permesso di seguire un corso a cui tengo particolarmente. Abbiamo colto l’occasione per intavolare una interessante discussione sui miglioramenti cui è andato incontro lo Statuto dei Lavoratori: sono stata fortunata, è entusiasmante lavorare in un contesto intellettualmente vivido. Il lavoro è una delle cose che più nobilita l’uomo.

 

Amicizia:

Ho trascorso una magnifica serata bevendo vino in compagnia di persone speciali che spero di rivedere presto. L’incontro è stato combinato da Erba e Congus e mi commuove vedere quanto i miei amici si impegnino per movimentare la mia vita sociale. Senza amici nessuno sceglierebbe di vivere anche se avesse tutti gli altri beni.

 

Famiglia:

E’ sempre bello apprezzare il contesto familiare di reciproca comprensione in cui sei vissuta e che ha contribuito a fare di te la Donna che sei diventata, nel rispetto delle persone più anziane cui siamo eternamente debitori. La famiglia è la patria del cuore.

 

Suvvia, siamo seri.

Lavoro:

Parlare con il suoro di diritti dei lavoratori equivale a parlare di metodi contraccettivi col Papa, perciò la colluttazione fisica viene evitata per un soffio. Nel devastante dialogo che precede le reciproche minacce le due attrici protagoniste arrivano ad urlarsi vicendevolmente di tutto. Tra le altre cose spicca il gentile invito rivolto a Sara a recarsi in regioni africane (Ghana, per la precisione) che sembrerebbero particolarmente favorevoli all’estinzione di precari particolarmente stracciaovaie. (Non è una metafora, mi ha davvero detto: “Vada a farsi un giro in Ghana dove i diritti civili  non esistono”).

 

Amicizia:

Una serata qualsiasi con Congus ed l’epato-tossico Jay. Luogo del misfatto: Congusmobile verso cui il proprietario prova un sentimento amoroso di particolare intensità.

Sara vuole fumarsi un sigaro ma non ha l’accendino così ha la pessima idea di chiederlo a Jay. Jay tira fuori dalla tasca una sorta lanciarazzi in miniatura, accende il sigaro e la fiamma annerisce la volta dell’abitacolo. Puzzo di capelli bruciati di Sara, tosse stizzosa di Jay. Congus posseduto dal demonio inveisce contro l’intera umanità, scarica Sara e l’epato-tossico a circa 2 chilometri dalla abitazione della scrivente e riparte sgommando.

 

Famiglia:

Interpreti: la Zia, Sara e la ciotola del gatto. La scivolosa ciabattata dell’anziana pia donna viene bruscamente interrotta dall’inatteso incontro con la ciotola del gatto. La Zia esegue un salto carpiato all’indietro e giace al suolo. Sara accorre immediatamente sul luogo dell’incidente. La prima domanda rivolta alla poverina non è, come sarebbe logico supporre, “ti sei fatta male?”, bensì “Zia ti prego rispondimi: ti ricordi come è successo?”. Ottenuta la rassicurante risposta negativa Sara provvede prontamente ad imboscare la ciotola e a ricostruire una versione dei fatti che preveda l’impossibilità da parte della Regina Madre di far ricadere la colpa del fattaccio sul felino.

Ecco.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

xileopowaquatsiarchetyponPRONTALFREDOmino27la.cozzaGEGNOantonioilicorazio_dimauroBinxusperla755sagredo58phoenix_182kevinarnold0Drakkar77
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom