Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 219
 

 

« Please loadingHic et Nunc »

CHE FREUD SIA CON ME!

Post n°180 pubblicato il 10 Gennaio 2008 da delilah79

Domenica 6 gennaio 2008

Ore 19.26

Caro diario,

come la più riuscita profezia di Nostradamus  o semplicemente come ottima conoscenza dei polli umani che mi circondano, si è verificato quanto immaginavo: la mia inseminazione dichiarata ha generato sintomi di contagiosa follia nei prossimi congiunti: aviaria?

Apprensione patologica insieme ad ansia “tachicardica” si sollazzano amabilmente nella mia casa prendendo ora il volto della madre, ora della non suocera, ora dell’intero albero genealogico femminile vivente che, compartecipando all’evento, si radica in quella che un tempo era la mia tranquilla dimora, passandosi il testimone del saggio nonché gratuito buon consiglio.

C’è da dire che mai in me si è sviluppato quel senso di complicità a tinte rosa, così ampiamente diffuso nel “sesso debole”, che spinge donne di ogni età a comportamenti, per i miei occhi, quantomeno bizzarri.

Parlo di quel sentimento alterato “d’esser femmina” che ti vede , da piccola, giocare a bambole tra “bimbe belle”, adolescente, andare in bagno in due (meglio se mano nella mano), iniziando la tradizione del racconto di vita, morte e miracoli del proprio ciclo alle amiche, fino ad arrivare alla gravidanza di massa con costante, apprensiva, ipocondriaca presenza femminile attorno al perno gravido. In altre parole, “le cose da donna” non hanno mai fatto per me!

“Santo sesso forte”, isola perduta in cui spesso, negli anni, ho trovato ristoro! Pianeta con poche, semplici (a volte ottuse) chiavi di lettura, (solitamente tre: sesso, calcio, lavoro; con rutto libero e grattate di culo in sottofondo!) così facili da apprendere (sottofondi a parte: la grattata proprio non riesco a farla mia!) e riprodurre per chi, come me, ha sempre preferito il calcetto a Barbie FiorDiPesca!

Dopo l’ammissione del peccato lussurioso e delle sue conseguenze, ho lasciato che questo delirio di donne di famiglia m’ invadesse la casa. Durerà poco. L’epifania, che tutte le feste e le riunioni familiari si porta via, domattina lascerà il posto al lavoro e al solito tran-tran di sempre, mai così felicemente atteso! Si allontaneranno da me , almeno in parte, le amorevoli grinfie e non ci saranno più pranzi o cene con più di tre commensali.

Intanto, negli ultimi giorni e oggi in particolare (giorno in cui si è ben pensato di venire tutti da me, laddove il si impersonale non è un caso e cela vigliaccamente l’autore della genialata!), mi abbandono al fenomeno freudiano scatenato dalla notizia, cavia dell’assurdità, osservatrice basita e ammirata dei meandri oscuri della psiche umana.

Ti scrivo (coattivamente) distesa nel letto con attorno innumerevoli riviste a tema che spaziano, con una originalità oserei dire commovente, dai sintomi della gravidanza, alla dieta della donna incinta, ai rimedi naturali contro i fastidi da gestante fino ad arrivare a mamma oggi, mamma anch’io, moda premaman, la musica pre-parto (come se una in pieno travaglio avesse il tempo di mettere musica!). Mi aspetto di trovare da un momento all’altro un articolo, sicuramente degno d’interesse, su come capire il carattere dell’embrione. Questi saggi di conoscenza pura sono stati accuratamente selezionati per me dalla madre del mio ello, la stessa che si dà al new age impellicciata e che si dimena allegramente tra Coelho e Hosseini. La mia, di madre, invece, si premura da tre ore a questa parte di non farmi muovere un arto continuando a ripetermi che “devo riposare il più possibile e non devo fare sforzi”. Mi ha piantato tre cuscini sotto le caviglie (dei quali ignoro la funzione) e va avanti e indietro proponendomi tisane varie per altrettanto vari scopi.

L’uomo, molto più furbescamente di me, si è dato alla macchia alle prime avvisaglie di follia manifestatesi nel dopo pranzo. Ritengo ritorni a casa sfollata.

Le “anziane”, in realtà una, la già nota zia Ada, chiusa in un gineceo improvvisato al piano di sotto, comincia a sferruzzare, cantando ave marie, per preparare il corredino del nascituro. E già arrivano le pressioni perché si sappia, appena possibile, il sesso del pargolo, per un lesto re-indirizzo verso il celeste o il rosa.

Dulcis in fundo, è giunto alle mie orecchie il complotto volto all’allontanamento di cane e gatta.

Osservo. Taccio (stoicamente). Assecondo. Do sempre ragione (regola prima dei manicomi).

Ancora un quarto d’ora e tutti faranno rientro ai loro focolari. Il buonismo natalizio avrà termine e, si spera, tornerà sovrana (a costo di tirannia da me invocata) la dea ragione.

Programma della serata, concerto Ska.

Prima cosa da fare domattina: recuperare Marcos e Micia; di ritorno passare dal fabbro per cambio serratura.

P.S. Nota di colore indefinito, direi “fumoso”. Dopo un elenco fitto e terrorista dei “disagi della gravidanza”, letto in una delle numerose riviste iper aggiornate che affollano il mio talamo, passo alla voce “generi voluttuari” e leggo un NO al fumo ed un “condizionale” per le sostanza psicoattive.

Riporto: “Alle sostanze pscicoattive si DOVREBBE rinunciare durante la gravidanza.”.

Ammetto: ho titubato, ma non ci sperare! Su questo fronte ti dovrai accontentare di “BUFFALO SOLDIER”!

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

xileopowaquatsiarchetyponPRONTALFREDOmino27la.cozzaGEGNOantonioilicorazio_dimauroBinxusperla755sagredo58phoenix_182kevinarnold0Drakkar77
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom