Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 219
 

 

« Il sesso degli angeliAl cinema »

Recensioni Caos calmo (il libro)

Post n°227 pubblicato il 29 Febbraio 2008 da sara_1971

Dove bisogna cliccare per bannare un libro?

Lasciate perdere le gocce per dormire: bastano quattro o cinque righe di Caos Calmo dopo i pasti per cadere in un sonno profondo e ristoratore.

Vorrebbe essere un libro, questo di Sandro Veronesi, sul dolore esistenziale, quello sordo ed implacabile che non si percepisce esteriormente, e invece riesce ad essere solo un polpettone farcito di nulla: tutto sommato una pietanza ipocalorica e poco appetitosa. Innocua, se non fosse per i 17,50 euro spesi.

Pietro Paladini, direttore di una pay tv, è un manager di successo che diventa improvvisamente vedovo una mattina d’estate mentre salva la vita a una sconosciuta sulla spiaggia: l’esordio non sarebbe poi malissimo se non fosse seguito da 400 e rotte pagine che tutto fanno fuorché tenere alto il livello di interesse per il seguito della storia.

Perché Paladini, presumibilmente sconvolto da un lutto inaspettato, inizia così a trascorrere tutte le sue giornate davanti alla scuola della figlia in attesa che lei esca, diventando un confessore per i personaggi della sua vita, il fratello, il capo, la cognata, la segretaria, che a turno vanno a trovarlo nella sua auto (Sic!), certi che lui sia lì, nei giardinetti davanti alla scuola, ad emanare quiete e a donare preziosi attimi zen.

Le colonne sonore dei Radiohead sono il testo più interessante che potrete leggere e questo la dice lunga.

La scrittura fluida, purtroppo lontana dall’essere incalzante, accompagna una trama banale, lenta, e personaggi statici. Il ritmo è stonato, la frenesia si disperde, l'ossessione diventa ragionativa, la narrazione indulge alla chiacchiera e per questa perdita di armonia la storia naufraga prima ancora di aver preso il largo.

Irritante, sì, irritante è la parola giusta se si pensa che il romanzo ha vinto il premio Strega. Chi ha vissuto un dolore così forte ha il diritto di definire alterigia il voler scrivere di esso senza averlo provato: è sempre sgradevole cercare di spacciare la noia mortale per profondità. Siamo sinceri: il segnalibro viene riposto senza l’ombra di un rimpianto.

Il capitolo dedicato alla mail del drogato va necessariamente saltato: nel caso in cui il lettore fosse comunque perversamente intenzionato a farlo proprio, può buttarlo giù tutto d'un fiato, esattamente come certe medicine dal sapore sgradevole.

Non c'è anima, non c’è necessità di scrivere in questa cattiva imitazione di Joyce che riesce ad essere solo sintesi pedagogica del destino umano: la sofferenza è raccontata ma mai davvero espressa. Una carrellata di protagonisti falsi, antipatici e inverosimili che non rappresentano la superficialità ma viceversa ne sono affetti, bestemmie che dovrebbero risultare blasfeme e invece strappano una mesta alzata di sopracciglio: il lutto di questa narrazione va elaborato in più giorni affinché ci si possa nuovamente avvicinare ad un libro in serenità.

Ma siamo clementi, un personaggio stimolante è Lara che, con rara saggezza, abbandona il romanzo nelle prime pagine. E poi il salvataggio della donna in mare con contemporanea erezione può servire da spunto in qualche film hard, per esempio.

Per inciso  la scena di sodomia è riuscita mettere di pessimo umore un po’ tutti, sia i perbenisti che gli appassionati del porno: pretenzioso resta il termine più consono ad un libro interessante solo nelle intenzioni e che corre rischi che non riesce a gestire ricorrendo ad un'alchimia che non funziona.

Questo è un buon esempio di letteratura di riciclo: da leggere solo se qualcuno ve lo presta. Grazie ma potevamo farne a meno.

P.S.  Non sarebbe sbagliato se qualcuno ricordasse al logorroico autore che è davvero di cattivo gusto citare se stessi.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

la.cozzaGEGNOantonioilicarchetyponorazio_dimauroBinxusperla755sagredo58phoenix_182kevinarnold0Drakkar77Elemento.Scostantehedo66mariotti.diegomaxicontemax
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom