Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 219
 

 

« Il vateA spasso con Nick »

Recensioni - Elizabeth

Post n°114 pubblicato il 03 Novembre 2007 da sara_1971

Non ci siamo, proprio no.

Filippo II, re di Spagna e fervente cattolico, a capo di un manipolo di spagnoli vestiti di nero e con un libro di preghiera in mano, l’eretica Elisabetta I, una vergine isterica inaspettatamente vulnerabile al cospetto dell’avventuriero Raleigh, sua cugina Maria Stuarda, una bizzoca antipatica quanto basta.

Originale davvero questa soap opera storica, indegno sequel di un film che qualche anno fa era invece riuscito a lasciare il segno.

Mentre il fondamentalismo cattolico di Filippo II e dell'Inquisizione minaccia l'Europa protestante, il regista si innamora della sua regina, fedele al suo voto di castità e di fedeltà alla nazione, e decisa a declinare il suo essere donna in favore della sovranità.

Una maiuscola interpretazione della Blanchett, tra costumi e scenografia barocche (il soldo dietro la telecamera c’è e si vede) che evidenzia unicamente una innata fotogenia ed un altero portamento scenico.

Manca purtroppo l’imponente affresco storico, l’unico in grado di conferire ricchezza e forza ad una narrazione scadente.

L' "invincibile" Armada di Filippo? Puro kitch.

La sovrana? Una santa alle prese con love story improbabili (era semicalva con un grande naso ricurvo ma a tutto questo il regista non sembra dare importanza, troppo impegnato a prendere le parti della “bella”, diciamo così).

Ahimè, la suddivisione netta tra buoni e cattivi non porta mai a nulla di buono, nemmeno se si tratta di una sega britannica (no, scusate, un errore di battitura, volevo dire saga).

Due soli fotogrammi sono concessi a Sir Francis Drake mentre una indelebile Cate Blanchett dal volto incipriato e dalle infinite parrucche rosso tiziano, fragile, superba e vanitosa, si dimostra l’unica regina capace di entrare nel cuore degli spettatori, al di là dei melò Hollywwodiani.

La forza di una nazione capace di tenere testa all’Invincibile Armada viene sacrificata

In nome della beatificazione della figlia della grande putain Anna Bolena.

Grande assente ingiustificato lo scontro tra civiltà. Ingombrante invece la presenza scenica di una donna alle prese con l’incipiente vecchiaia. Evidentemente un paio di storie da letto risultano molto più appetitose di una guerra santa.

Tra grandi scatti d’ira (non c’era bisogno di scomodare Bettina, a questo punto sarebbe bastato riprendere Erba mentre interloquisce di prima mattina col marito) e deliziosi cliché visti appena un migliaio di volte, è necessario menzionare gli unici contorni prelibati della proiezione:

1) Congus (a metà proiezione): Sicura che vinca l’Inghilterra?

2) L’inquietante somiglianza di Erba con Elizabeth (a parte il fatto che Lei, seppur isterica, almeno era vergine)

3) Il giusto commento di uno spettatore seduto dietro di noi: due ore e mezza di paranoie mentali di quella pazza e 15 minuti di guerra. Ma non era un film storico!?

4) Ancora Congus: ma poi alla fine ce la fa a procreare?

 

Consigliato: agli amanti del Bignami storico e a quelli che cercano una degna fidanzata per Braveheart.

Per tutti gli altri: restate a casa e riscaldatevi da soli la minestra, è la giusta occasione per risparmiare i soldi del biglietto.

 

Post scriptum: Se Scamarcio fosse inglese sarebbe un piccolo Owen.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

la.cozzaGEGNOantonioilicarchetyponorazio_dimauroBinxusperla755sagredo58phoenix_182kevinarnold0Drakkar77Elemento.Scostantehedo66mariotti.diegomaxicontemax
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom