Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 219
 

 

« Ordinary daysRecensioni - Come una nuvola »

similia similibus

Post n°153 pubblicato il 09 Dicembre 2007 da sara_1971

Non so se l’avete capito ma Erba e Congus vivono rinfocolando quotidianamente la tenera fiammella di speranza che mi vorrebbe felicemente accasata al di là di consolanti tendine ben stirate. Me ne sono accorta da piccole attenzioni che ultimamente mi hanno premurosamente dedicato.

Cosucce tipo:

Erba: Vado a fare shopping, perché non mi accompagni? Potrei comprarti io qualcosa da mettere per uscire con Nick, consideralo un regalo di Natale… a proposito quando hai intenzione di rivederlo?

Congus: Non ti stai più sentendo con quello del blog? Perché? Guarda, lo dico per te, ancora qualche anno e smetterai di essere fertile.

Erba e Congus insieme: Ti vesti come una polacca e non sai cucinare ma ricordati che non hai le bocce della Herzigowa. Perché non inizia fare pratica con il  microonde?

Morale: vengo costretta ad uscire con un venerabile collega del marito della mia adorata coinquilina di blog.

Antefatto: le foto del venerabile mi vengono somministrate a piccole dosi nei giorni precedenti e tutte rigorosamente in formato non zoomabile. La cosa puzza ma per evitare sterili discussioni all’interno della redazione (dillo, allora dillo che sei una psicotica asociale) fingo di non percepire l’inquietante effluvio di marcio che circola nell’aria.

La serata inizia seduti al tavolo di un costoso ristorante in pieno centro. Al cellulare arriva un sms di Erba: “sii educata ed urbana e non fermarti alla prima impressione: devi svagarti frequentando gente diversa da te, ricordatelo!”

L’accompagnatore non è orribile, bisogna essere sinceri, è soltanto triste come l’occhio di un animale morente. Sul menu non ci sono i prezzi. Perfetto. Sara si guarda le unghie maledicendo l’attimo in cui ha conosciuto gli organizzatori dell’evento.

Arriva il cameriere posso disturbarvi con la carta dei vini?

Sara (simpatica): Ma figurati, io sono disturbata già di mio.

Nessuna ilarità. Sara diventa verde dalla bile: se c’è una cosa che proprio non sopporta è vedere non apprezzato il suo umorismo.

Il 99% dei piatti, come era prevedibile, è a base di carne, le pietanze pesano 15 microgrammi ciascuna e arrivano a intervalli di mezz'ora durante i quali la conversazione, guarda un po’, langue: tra gli argomenti spicca la sciatica e la vita lavorativa del venerabile suddivisa per capitoli, tra la musica canzoni allegre come il Requiem di Mozart. Aggettivi preferiti: divertente e carino. Sara intanto mangia la sua insalata accompagnata da una specie di brodaglia per porci che il cameriere ha ingiustamente associato al termine zuppa, pregustando il momento in cui potrà ritirarsi al cesso per telefonare ai due minchioni che l’hanno costretta a questa serata devastante. Faticosamente si arriva alla boa del dolce. A questo punto il dramma.

Avete presente la scena della lumaca in Pretty Woman? Pfui. Roba da dilettanti.

Tloc. Un rumore metallico di urto attutito. Qualcosa che cade nel piatto. Che sarà mai? Lo sbattere di una forchetta? Un ciondolo, forse? Quasi. Un dente? Magari. Sara si picchietta le labbra con il tovagliolo. Diciamo un monile. Sferico e di piccolissimo diametro. In pratica il destino quando diventa zamputo: il piercing.

Scambio di sguardi incrociati. Sorrisi reciproci la cui esatta traduzione (anche essa reciproca) è “li mortacci del marito di Erba”.

Sara al terzo tentativo recupera con il cucchiaino la pallina dal piatto e la prende in mano pulendola con il tovagliolo in broccato e oro in dotazione al tavolo.

Rispolvera una battuta appresa in questo blog: “non lecco la saliva a meno che non sia in punti erogeni”. Cala il silenzio cosmico (vuelo perché non sono uscita con te? Perché? Perché?).

Morale: la prossima volta che vi organizzano un blind date accertatevi di non ritrovarvi a dividere la tavola con un uccello araldico e ricordate che i vecchi detti hanno quasi sempre la loro giusta ragione di esistere…

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

archetyponorazio_dimauroBinxusperla755sagredo58phoenix_182kevinarnold0Drakkar77Elemento.Scostantehedo66mariotti.diegomaxicontemaxfasten.1sfizio65Danes0
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom