Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 219
 

 

« L'infinitoL'altrove »

Non ho (più) l'età

Post n°189 pubblicato il 20 Gennaio 2008 da sara_1971

C’è una età per tutto. Siamo seri, non si possono riciclare divertimenti tipici dell’era post adolescenziale quando ormai il corpo si ribella a forestiere variazioni dell’essere:  i diversivi  vanno  accuratamente selezionati a seconda della generazione di appartenenza, lo sapete.

Antefatto: ritorna in terra barese Simo, una reproba autodeportatasi a Milano per lavoro, e convoca Sara_1971 per andare a fare un giro. Sospinta da un refolo di mondanità Sara accetta ed esce dal sarcofago.

La missione di Simo credo sia quella di esportare il divertimento notturno lombardo con 10 anni di ritardo, cadendo così in uno dei tanti terribile equivoci televisivi: la vita sociale di un indigeno raramente è esportabile.

In ogni caso Sara_1971 viene trascinata in pellegrinaggio tra locali dal nome carico di storia e tradizioni come il Tavlì, tadadattà et similia (che grazie al cielo il giorno dopo ho freudianamente rimosso) e catapultata tra i transumanti della movida barese.

Primo locale: vengono ordinati due splitz (nome esotico per un italianissimo cocktail alcolico di pessima fattura), le due amiche vengono raggiunte da un gruppetto di vagabondi azzimati amici della reproba che si ingagliardiscono in dialoghi trasversali ed amichevoli. “Ma ciaooo, ma anche tu qui, che hai fatto ieri? che fai dopo? Ci vediamo più tardi con Giacomo eh!”

Secondo locale: vengono ordinati quattro splitz (o spritz o come stramaledizione si chiama), le due amiche vengono raggiunte da un gruppetto di vagabondi azzimati amici della reproba che si ingagliardiscono in dialoghi trasversali ed amichevoli. “Ma ciaooo, ma anche tu qui, che hai fatto ieri? che fai dopo? Ci vediamo più tardi con Giacomo eh!” Variante a ruota di pavone: uno dei vagabondi si ravvia i capelli nello specchio della sua entusiastica ammirazione e asserisce di voler partire per Cuba il prossimo weekend.

Per il racconto dei successivi 8 step è sufficiente copiaincollare le 5 righe precedenti in un efferato crescendo alcolico. Alle ore 4 del mattino la salma di Sara_1971 viene scaricata davanti al cancello del Castelletto Genitoriale. Il cadavere si trascina sui gomiti fino al bagno dove vomita in mistica solitudine.

Nell’ultimo sprazzo di lucidità Sara invia (crede di inviare) un sms ad Erba: “Sto traumata, domani mattina manda tu i pezzi a quello stracciaovaie del Direttore del giornale”.

Coma etilico successivo.

La sveglia suona solerte alle 7.00.

Sara_1971 si convince di aver ancora delle gambe per trasportarsi in bagno e, con la forza che solo la cieca fede può conferire, ci riesce.

Si specchia con timore chiedendosi come mai possa essere ancora perfettamente truccata quando l’ultimo ricordo è quello di essersi passata la costosissima ed indispensabile lozione gommage sul viso (ricordiamo ai lettori meno attenti che Sara_1971 ha un problemuccio immunitario con cui convive da anni). I semplici ingranaggi si mettono con fatica al lavoro ma non trovano spiegazioni plausibili. Nel mentre una ciabattata scivolosa la avverte dell’arrivo della Zia Cortigiana alle sue spalle. Una semplice domanda della anziana donna basta a provocare in Sara_1971 un lungo attimo di panico: “Chi ha usato la mia soluzione per la dentiera?”. Sara_1971 si tocca istintivamente la faccia per capire se c’è ancora qualche brandello di pelle attaccato. Ma non ha il tempo di preoccuparsi come si deve perché un oggetto metallico scintillante abbandonato nel bidet attira la sua attenzione. Il cellulare. Sara lo raccoglie per verificare se sia asciutto. La bustina lampeggiante indica l’arrivo inaspettato di un messaggio. Sarà Erba? Si chiede Sara. E invece no. Si tratta del Direttore del giornale di Frosinone: “Non avere fretta, cara, me li puoi inviare anche nel pomeriggio”.

Ecco.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

archetyponorazio_dimauroBinxusperla755sagredo58phoenix_182kevinarnold0Drakkar77Elemento.Scostantehedo66mariotti.diegomaxicontemaxfasten.1sfizio65Danes0
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom