Blog
Un blog creato da sara_1971 il 13/07/2007

S_CAROGNE

Avvertenze: questo è un blog, bipolare come i più comuni disturbi dell'umore

 
 

Sara

 

AREA PERSONALE

 
 

Vecchio Paz

Esistono persone al mondo, poche per fortuna, che credono di poter barattare una intera Via Crucis con una semplice stretta di mano, o una visita ad un museo, e che si approfittano della vostra confusione per passare un colpo di spugna su un milione di frasi, e miliardi di parole d'amore...

 

Cuor di Carogna

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17]
... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] 
... [32]

 

Diario di una gravida

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]
[21] ... [22] ... [23] ... [24]
[25] ... [26] ... [27] ... [28]
[29] ... [30] ... [31] ... [32]
[33] ... [34] ... Il parto

 
Citazioni nei Blog Amici: 219
 

 

«  À reboursGARIBALDI HA SALVATO LA GAMBA! »

Natale in casa_1971

Post n°167 pubblicato il 25 Dicembre 2007 da sara_1971

Io non so come funzioni da voi il pranzo di Natale. Beh, spero che sia un momento epifanico, un lieto fine, un approdo forse o un indelebile ricordo a cui tornare con letizia nei giorni seguenti per riassaporare il calore del mesto focolare e di una tavola riccamente imbandita.

Da noi invece, sappiatelo, è una seduta spiritica.

Ci sediamo al tavolo con piglio da soldati per rinnovare gli eterni conflitti parentali e servirli con il panettone, in preda a stati d’animo assai controversi che sarebbero capaci di spingere più di uno a scrivere I Fiori Del Male in una nuova versione.

In verità ci sarebbe da chiedersi perché questo gruppo di persone eterogenee e per nulla affini si crocifigga allo stesso desco per 2 giorni consecutivi ma sulla base di ragionamenti di natura autoreferenziale (circa i quali sarebbe bene interrogare un bravo analista) evitiamo persino di darci una risposta.

La incomprensibile litania formulata in lingua e sciorinata con invidiabile precisione da quello che immagino sia da considerarsi il maestro di cerimonia, ovvero mio padre, inizia con gli antipasti ed è preceduta da un “Voi” introduttivo e al contempo dispregiativo.

Il suo compito è quello di portare alla luce cose sepolte che si speravano dimenticate per indurre i presenti a chiedersi ancora una volta che bisogno ci fosse stato di tumularle visto che sono ancora qui con noi, ogni anno più gagliarde e avvelenate.

Un gorilla in Armani munito di palmare (mio zio, ramo ricco della famiglia) con lo stesso sguardo sagace di uno che ha trascorso troppe ore insieme al Grande Fratello, convoca, evoca e mette insieme rapidamente gli spiriti dei nostri comuni avi tramite calzanti padrenostri, avemaria e giaculatorie.

La moglie, con un’aria internazionale coltivata per anni tra le quattro mura domestiche, cerca di dare alle cose il loro ordine naturale con frasi stucchevoli e melense facendo venire i brividi a chiunque abbia otturazioni in bocca.

La Regina Madre ogni tanto lascia cadere sul desco improbabili frasi ad effetto che dovrebbero scoraggiare gli astanti dall'affrontare discorsi tabù e che invece hanno l'ingrato compito di fare da carburante per le bestemmie di Caino ed Abele.

L’anziana Zia Cortigiana tace.

In tutto questo Sara_1971, che in fondo ha l’animo della suffragetta, lotta col demonio appollaiato sulla sua spalla per tenere a bada stati d’animo perniciosi svagandosi cercando di individuare nel parentame le caratteristiche ed ossessioni ereditate in via diretta.

Dunque dunque…. Il ramo femminile della follia risale a molto lontano, il cromosoma spezzato è toccato a mio padre, perciò a rigor di logica se procreassi e partorissi una femmina dovrei essere relativamente al sicuro.

All’acme del litigio, quando il rancore fa contrarre persino la tovaglia in uno spasmo di dolore e la pressione arteriosa dei due fratelli sale a livelli di guardia (ovvero quando mio zio inizia ad ansimare nel proferire il suo intercalare preferito: maledetto vecchio pazzo comunista di merda), i dialoghi improvvisamente si interrompono.

Considerando che: io non parlo con mio padre da anni, mio zio smette in quel preciso istante di farlo, la Regina Madre giudica la moglie di mio zio meno vitale dell’anguilla sacrificata nel piatto e che l’anziana Zia Cortigiana è completamente sorda vi lascio immaginare da soli quanto difficili possano diventare le comunicazioni al tavolo.

Partono a questo punto le domande difficili (cosa c’è per secondo? E il tempo? Che buono il vino: l’hai comprato alla Coop?) che sarebbe meglio in futuro fossero sostituite da altre, il giorno in cui ci ritroveremo di nuovo a decidere cosa fare il benedetto giorno di Natale.

In ogni caso ancora una volta mi trovo d’accordo con Baudelaire: ah, che bello l’odore della famiglia, della propria piccola specie…

Coraggio, manca Capodanno e poi ne sarò fuori.

Beh, comunque auguri, eh!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

Erba

erba_blog

 

Istruzioni per l'uso

Prima di scrivere minchiate a caso leggi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

xileopowaquatsiarchetyponPRONTALFREDOmino27la.cozzaGEGNOantonioilicorazio_dimauroBinxusperla755sagredo58phoenix_182kevinarnold0Drakkar77
 

NAUFRAGHI SPIAGGIATI

counter
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 

C'è post@ per me

[01] ... [02] ... [03] ... [04]
[05] ... [06] ... [07] ... [08]
[09] ... [10] ... [11] ... [12]
[13] ... [14] ... [15] ... [16]
[17] ... [18] ... [19] ... [20]

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom