Creato da: max_6_66 il 30/06/2009
storie.....

 

Contatta l'autore

Nickname: max_6_66
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 48
Prov: PO
 

altro blog

Caricamento...
 
 

LE PRIME 100 STORIE

- Una storia vera
- Per il mio compleanno....
- Gigi che ride
- Il Principe Azzurro è gay
- "Dr. Livingstone....i suppose"
- Cercando disperatamente....
- Il ristorante di Diana
- Come mi persi, un giorno...
- Il lavoro di Angelo
- Il ballo in maschera
- Keiko: come un mese fa....
- Il segreto di Ulisse il gatto
- Cuori di pezza
- 30/06/09 - nascita del blog
- Sconosciuti
- Angeli custodi
- Raccolta differenziata
- Il mio filo d'erba
- Facendo la comare
- Notte in bianco & nero
- Petunia
- Sotto mentite spoglie
- Il ragù
- La musa
- Expulsado
- Enigma in 399 parole
- Accudire le rose
- Super Ufficio Postale
- Zingaro....
- Il Natale di massimopiero
- Un giorno intero.....
- Quando se ne è andata la neve
- Farfalle
- Vento
- La nube tossica
- Crepi il lupo.....
- Pane
- Spugna
- Rospi & Principi
- Il virus
- Interno vellutato
- Dolcenotte
- Mele
- Il carciofo e l'uovo sodo
- Rayuela
- La tregua
- Soul Food Cafè
- Gocce
- Inaspettati cuori
- L'esame
- Felicità
- E cerco ancora sogni.....
- Aguas de março
- Vorrei imparare dal vento....
- Alpha Centauri
- Quello che manca
- La centralina
- Osso di pesca
- Per troppi motivi.....
- Il filo
- Scirocco
- Responsabilità
- Il vino rosso....e la luna
- Lo sportellino nel petto
- Saltafosso
- Cecco
- La casa
- La grande corsa
- L'ultimo giorno di scuola
- L'uccellino e il pallone
- Ho sognato che.....
- Venti poemi d'amore
- Volare l'aquilone
- Indovinello
- Le pagine macchiate
- Verso un regno, dove.....
- Mosca
- Le foglie e le stelle
- La tavola rotonda
- Il grande salto
- Allevatori di farfalle
- Veleno amaro
- Ricominciare
- Il mondo a testaingiù
- La ragazza che passa
- Nuvole & Pecore
- La torre di Babele
- La frittatina di Natale
- Il sogno della porta
- Arrestato
- Il sogno della porta
- Lacci
- Gusci di noce
- La favola del folle sulla collina
- La favola dei barattoli di vetro
- La favola dell'alpinista
- Il segreto del caffè
- Il rappresentante
- La verità
- Come una puzzola rovesciata sul dorso
 

Ultimi commenti

Mi stupisci sempre,e mi dai sempre dei momenti di...
Inviato da: ferrarioretta
il 30/11/2014 alle 08:41
 
HAI LA CASELLA PIENA....
Inviato da: ferrarioretta
il 19/06/2014 alle 08:53
 
AUGURI :)))))))))) Ma scrivi ancora ?????
Inviato da: ferrarioretta
il 19/06/2014 alle 08:50
 
*__*
Inviato da: maraciccia
il 05/03/2014 alle 00:58
 
cioè... fammi capire/tu scrivi storie su commissione??
Inviato da: quasi_le_cinque
il 03/03/2014 alle 23:33
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 55
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultime visite al Blog

Nues.sgratiasalavidaLed_61cassetta2ferrariorettaacqua.azzurra.fRa.In.MepsicologiaforenseFILLY54NCartman72several1Noir_sur_Blancicaboanonimo.sabinoDWAYNXTHEXROCK
 

 

 

 
« ......disperatoquando gli angeli cadder... »

l'esame

Post n°145 pubblicato il 11 Marzo 2010 da max_6_66
 
Tag: eduardo
Foto di max_6_66

L’ansia di arrivare tardi mi aveva portato ad alzarmi due ore prima di quanto preventivato, poi ero riuscito comunque a perdere tempo. Il resto ce lo aveva messo il traffico. Un parcheggio improbabile e una corsa verso l’ingresso. Quando ero entrato, nella grande stanza erano già tutti seduti. Gli altri aspiranti in banchi di scuola troppo piccoli per contenere le ginocchia, gli esaminatori ad un lungo tavolo. Come avranno fatto per farlo passare dalla porta un tavolo così lungo. A meno di non averlo portato in pezzi e montato successivamente, o di averlo costruito con il legno di un albero cresciuto li dentro. Avevano già cominciato a chiamare. Non in ordine alfabetico, ma con un meccanismo di cui dopo i primi settanta nomi non riuscivo ancora ad interpretare la chiave. Impossibile prevedere quando sarebbe arrivato il proprio turno.

Il perché della lunghezza del tavolo. Gli aspiranti appena sentivano pronunciato il proprio nome dovevano uscire dalla grande stanza, ma attraverso un percorso guidato, tra transenne che li portava a sfilare davanti agli esaminatori per tutta la sua lunghezza. I primi centoquaranta erano già usciti dalla stanza. Duecentodieci nomi e ancora non riuscivo a capire. Poi il mio nome, dopo la settima serie di settanta, la sfilata davanti agli uomini che scrivevano, l’uscita dalla stanza, il corridoio percorso insieme a due uomini in divisa bianca davanti a decine  di porte chiuse, fino a quella aperta dello stanzino che mi attendeva.

Prima di entrare mi ero dovuto privare di tutto ciò che avevo.  Nudo, camminando sul pavimento in legno, solo una sedia e un tavolo, un foglio e una matita,  forse tutti provenienti dallo stesso albero cresciuto nella grande stanza.

Giorni e notti, freddo, sete e fame. Prima di riuscire a prendere la matita e disegnare un cuore. E’ allora che la porta si è aperta e sono entrati i miei vicini di stanza. Aspettavano fuori, con dei vestiti nuovi, nell’attesa di abbracciarmi. E non avevo più freddo, sete e fame.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog