Una scoperta che nessuno può fare per un altro.

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

 

 

 

 

 

 

 

Proviamo a scoprire la chiarezza della luce,

una scoperta che nessuno può fare per un altro.

Non è una conoscenza individuale.

Nessuno entra nel regno della verità

ma lei stessa si fa strada

in unità di coscienza.

Cerchiamo quindi di indagare insieme e di trascendere, se possibile,

la contraddizione della logica lineare,

verso una logica espansa al tutto.

E così, in ogni coscienza individuale

la luce della coscienza totale sorgerà liberamente

questo include loro

Come viene condotta la ricerca dall’unità di coscienza?

Questa indagine non consiste nel trasferimento di idee

da una mente limitata ad un’altra limitata anche …

Nella visione diretta della vera ricerca

i limiti di quello spazio mentale personale sono rotti,

cosa fino a quel momento pensai,

cosa pensa il mio cervello senza tregua.

Le verità NON passano da un cervello all’altro.

Non cambiano posto.

I concetti, forse si.

La verità, nel senso esperienziale dello stato di coscienza

a cui puntiamo qui,

non trasmigra da mente a mente

perché non è bloccato nei pensieri.

Questi sono mobilitati lasciando uno spazio aperto.

In libertà,

la lucidità che stiamo già scoprendo la verità sempre a

e quell’unità si espande nell’amore.

È così che viviamo l’impensabile,

Amore incondizionato

L’atto creativo di investigare è liberatorio.

Possiamo accettare questa verità mentre investighiamo?

Osserva i pazienti i movimenti della nostra mente

essere cadere tutte le idee limitanti

in un’apertura totale.

Forse arriva qualcosa di inaspettato …

Sarò libero se imparerò a indagare

e sebbene quella libertà sia espressa in mille modi,

Sarò libero,

anche della condizione in cui è mostrato.

Perché non ci sarà alcuna costrizione a fare le cose in un modo o nell’altro.

Ad ogni modo, niente e nessuno può togliermi la pienezza che sono,

perché io sono l’infinito che non ha diminuzioni.

Durante la ricerca imparo a realizzare quell’infinito

che è espresso in successione,

proiettato sullo schermo della temporalità.

Se ho già scoperto la libertà,

Posso accettare serenamente e amorevolmente

qualsiasi sequenza limitata che appare

sulla tela del tempo del pensiero.

Indagare in questo modo non significa affrontare particolari problemi

che impedisce di vedere le interconnessioni nell’unità.

È tornare indietro per amore della verità

a quelle altezze dove la luce armonizza le forme,

mentre illumina il particolare.

Una scoperta che nessuno può fare per un altro.ultima modifica: 2019-07-07T10:51:32+02:00da Belle0Epoque

3 pensieri su “Una scoperta che nessuno può fare per un altro.

Lascia un commento