Lesioni emotive

..

Not great- while I find this picture interesting, I find no focal point. My  eyes move throughout the whole thin… | Mirror photography, Dark  photography, Photography

 

 

 

 

 

 

 

Lesioni emotive, meccanismi di coping disfunzionali dovuti a esperienze avverse o traumi infantili, bisogni infantili insoddisfatti che seguono la persona fino all’età adulta, reazioni impulsive o sproporzionate agli stimoli sono segni che le persone sono rimaste emotivamente prigioniere in una fase dell’infanzia e che hanno ancora bisogno di affrontare con la guarigione del bambino interiore .

Pertanto, essere adulto dal punto di vista emotivo comporta sia un “abbraccio” per guarire il bambino interiore , ma anche una certa autoeducazione e un continuo sviluppo personale . Forse i modelli genitoriali o adulti che hai avuto nella tua vita non erano i più appropriati, forse gli adulti della tua vita, a loro volta, hanno preso il sopravvento su modelli più o meno disfunzionali ed è per questo che l’autoconoscenza e l’autoeducazione possono aiutarti a cambiare questo tipo di schema che ti impedisce di essere all’altezza del tuo vero potenziale.

Il modo in cui appaiono le relazioni nella tua vita è un’altra importante fonte di conoscenza di te stesso perché possono aiutarti a capire se stai rispondendo e agendo dallo stato dell’Io Bambino o Adulto.

Quali sono, allora, le caratteristiche dell’Adulto, sia nel piano relazionale che in quello personale?

– è in grado di prendere decisioni da solo, senza dover essere approvato o guidato da qualcun altro;

– si assume la responsabilità di se stesso, delle proprie azioni e della propria vita – ogni azione ha delle conseguenze, e un adulto si assumerà la responsabilità delle proprie azioni e delle loro conseguenze, senza cercare scuse o giustificazioni e senza incolpare gli altri. Sa che il modo in cui guarda alla sua vita dipende da lui, quindi si prenderà cura di se stesso e perseguirà attivamente il proprio benessere, che significa anche rimuovere o superare gli ostacoli che lo separano dai suoi desideri e aspirazioni. Avrà quindi un atteggiamento propositivo e presupposto, anziché passivo o fatalista;

– ha autocontrollo emotivo e cerca costantemente di sviluppare l’intelligenza emotiva – se un bambino ha i capricci e un adolescente urla o sbatte quando i suoi bisogni sono frustrati o quando le cose non vanno come vorrebbe, si suppone che un adulto abbia imparato già di riconoscere e gestire le proprie emozioni , scegliendo o di risolvere la situazione attraverso la comunicazione o di allontanarsi, di uscire dalla situazione se non trova una soluzione. L’adulto non incolpa gli altri per ciò che sente, ma assume i suoi sentimenti e li esprime in modo sano;

– si accetta – un adulto accetta sia le sue qualità che le debolezze che può o meno scegliere di migliorare e, assumendosi la responsabilità di quello che è e accettandosi così com’è, sa di non avere perché dare spiegazioni agli altri o “scusa” per le sue scelte. Non cercherà di somigliare a nessun altro o di compiacere gli altri facendo compromessi e sacrifici a proprio danno, per paura di essere rifiutato o escluso. Ha abbastanza fiducia in se stesso da non porsi da solo in una posizione di inferiorità o superiorità;
– delimita chiaramente i propri confini e limiti personali e non permette agli altri di violarli – conoscere se stessi significa sapere cosa si è disposti o meno ad accettare da chi ci circonda. È una prova di rispetto e apprezzamento per se stessi. L’adulto non si lascia manipolare o controllare/influenzare da chi lo circonda anche nelle relazioni più strette, cioè può, in generale, riconoscere se gli altri stanno cercando di condizionarlo, di usarlo per scopi egoistici, di abusare della sua buona volontà , per indurlo attraverso la manipolazione emotiva e il ricatto a cedere e fare cose contro la sua volontà;

– conosce i suoi valori, principi, convinzioni e agisce in conformità con essi , invece di essere influenzato da ciò che gli altri vogliono, da principi e valori che non risuonano con lui, ma che sono accettati o ripresi dalla maggioranza;

– conosce i suoi limiti e cerca sempre di svilupparsi – sa che non li conosce tutti, che ha sempre qualcosa da imparare, quindi mantiene viva la sua curiosità, ma anche la sua flessibilità nel pensare. Ad esempio, se commette un errore, è disposto ad accettare l’errore, imparare da esso e cercare soluzioni per correggere quell’errore, se possibile, invece di insistere sulla strada sbagliata perché l’orgoglio non gli permette di riconoscerlo .che si sbagliava. Rimane anche flessibile quando si tratta di adattarsi a determinate situazioni che non vanno secondo i piani, invece di tenere il broncio, incolpare gli altri o resistere ostinatamente al cambiamento;

– mantiene la mente aperta alle altre persone – gli stereotipi, i pregiudizi, etichettare determinate persone in un certo modo solo perché sono diverse da noi ci impedisce di cercare di capirle o di guardare le cose da un’altra prospettiva. Diverso, nuovo o sconosciuto non significa sempre cattivo. Un adulto maturo rispetta gli altri e non cerca di giudicarli o cambiarli solo perché non corrispondono alle proprie percezioni su come dovrebbero essere o comportarsi;

– ha la capacità di riconoscere, rispettare ed entrare in empatia con i sentimenti ei bisogni degli altri – non solo i suoi bisogni e le sue emozioni sono importanti, ma anche quelli degli altri. Non ritiene di “meritare” o che gli altri siano lì solo per soddisfare i suoi bisogni e le sue esigenze egoistiche, ma cerca che, prima di tutto, sia lui a soddisfare questi bisogni, nel rispetto di quelli degli altri.

– è assertivo, non passivo o aggressivo – l’ assertività implica la difesa dei propri diritti, senza violare i diritti degli altri;

– non dipende da altre persone – essere una persona indipendente e indipendente è un attributo fondamentale di un adulto maturo. Nel momento in cui dipendi da qualcun altro, è come se dichiarassi che non ti fidi di te stesso, che non puoi fare affidamento su te stesso, che ti aspetti che qualcun altro si assuma la responsabilità della tua vita e del tuo benessere. La dipendenza predispone a molti sacrifici e compromessi che spesso sono estremamente dannosi, soprattutto quando provengono da uno spazio di paura – hai paura dell’abbandono, della solitudine, che non gestirai da solo quindi sei disposto a tutto pur di evitare loro.

non si lamenta di pietà, non vittimizza, non vive per caso, ma cerca di autodeterminarne l’esistenza – fissa obiettivi, mete, pianifica e li segue; affrontare gli ostacoli invece di scappare da essi e arrendersi, imparare dai fallimenti;

– può sopportare sconfitte e delusioni senza lamentarsi all’infinito o incolpare gli altri e può accettare critiche senza mettere in discussione il proprio senso di autostima;

– sa gioire in modo sincero per il successo o le conquiste degli altri – conosce il proprio valore e non si sente minacciato dal successo degli altri, ma li ammira e cerca di imparare da loro, invece di essere schiacciato da invidie, risentimenti e sentimenti di inferiorità;

– non cerca (più) di cambiare gli altri o di cambiare cose che non dipendono da lui/lei – le persone mettono molte energie e sforzi cercando di cambiare gli altri , di cambiare il modo in cui gli altri agiscono o di cambiare circostanze che non dipendono da loro, proprio perché non possono accettare che, forse, né quelle persone né quelle congiunture siano quelle giuste per loro. Invece di cambiare se stessi o uscire da quelle relazioni o situazioni (e se non possono uscire in quel momento, cambiando il modo in cui si relazionano con loro), scelgono di continuare lo stesso lavoro di Sisifo che non fa altro che derubare loro della gioia di vivere e della fiducia in se stessi.

La maturità non è una conseguenza naturale dell’invecchiamento, perché l’età non garantisce sempre la maturità emotiva. Quello che fai con il passare degli anni può aiutarti o meno a maturare , indipendentemente dal fatto che tu sia disposto o meno ad imparare dalle tue esperienze, che tu sia flessibile o meno disposto ad adattarti e apportare cambiamenti, che tu sia disposto o meno a lavorare .problemi emotivi (sia dall’infanzia che sviluppati anche più tardi nella vita), indipendentemente dal fatto che tu sia disposto o meno a imparare cose nuove.

Un uomo maturo ha la sua ancora nella propria persona : non è concentrato su se stesso in modo egocentrico e infantile, ma è egocentrico. Cioè, fa affidamento su se stesso e, per diventare autosufficiente, per sentirsi abbastanza sicuro di poterlo fare, lavora con se stesso, con i suoi pensieri, convinzioni ed emozioni ogni giorno. Si assume gli svantaggi, i vantaggi, cerca di migliorare, di evolversi, si assume la responsabilità di se stesso e della sua vita e smette di incolpare gli altri per le sue prospettive passate, presenti o future.

Quando entra in una stanza, non si chiede più: “Mi piaceranno agli altri?”, ma chiede: “Mi piaceranno gli altri?” Quando inizia una relazione, non si aspetta più che quel partner lo salvi da se stesso e lo porti felicità al vassoio, ma si chiede “cosa ho da offrire / cosa sono disposto a offrire?” e cerca di costruire insieme all’altro, di dare il suo contributo tenendo conto sia del suo benessere individuale che di quello della coppia. Un uomo maturo non si illude più, non attende più passivamente che le cose accadano, ma fa sforzi consapevoli e volontari perché le cose accadano nella direzione stabilita di comune accordo con il suo partner.

Il senso di responsabilità definisce sempre la maturità : non trovi più scuse, apporti cambiamenti, non scappi più da ciò che ti fa male, dal perché hai paura o da ciò che ti dà fastidio, ma affronti quelle cose, non aspetti, tu agisci, non piangi per pietà, ma riprendi le forze e, passo dopo passo, tra gli ostacoli e le difficoltà inerenti alla vita, tracci la traiettoria del tuo stesso destino.

 

Parte di 10-

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

30 Shattered ✿⊱╮ ideas | broken mirror, shatter, mirror photography

Lesioni emotiveultima modifica: 2022-06-28T13:10:04+02:00da OPIUMPASSIONE
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr