Il gatto nella cultura

Roma, la donna che vive con 47 gatti in una casa di 50 metri quadrati. Appello agli animalisti: «Va aiutata»- Corriere.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Il gatto nella cultura vichinga:
Molti sono quelli che mi chiedono se i Vichinghi avessero animali domestici; Tutti conoscono l’amore che le persone pagane in generale provano per i loro amici pelosi, cercherò di rispondere con una piacevole recensione di ciò che ho potuto trovare sugli animali domestici in epoca vichinga:

I Vichinghi tenevano i gatti nelle loro case per le loro preziose abilità come poiane, proprio come i gatti fungevano da guardiani nelle stalle e nei magazzini occupandosi del mangime per la manutenzione degli animali domestici che era erba per topi e altri parassiti.

. A volte i gattini appena svezzati vengono dati alle spose che stanno per sposarsi come parte essenziale della creazione di una nuova casa. È particolarmente appropriato che le spose ricevano gatti come doni, poiché i gatti erano associati a Freyja, la dea dell’amore. I Vichinghi credevano che Freyja guidasse un carro trainato da una squadra di due gatti. Può sembrare assurdo immaginare un carro trainato da gatti, finché non ci si rende conto che i gatti vichinghi non erano la stessa specie di Felis domesticus che troviamo comunemente in tutta Europa, erano gli Skogkatt (dal norvegese antico, significa letteralmente “Foresta”), e quindi una razza selvaggia originaria del nord.

Diciamo che questa specie di felini è un misto di lince, lince rossa e una specie di gatto delle nevi, forte e di taglia notevole. In Danimarca questi gatti vengono chiamati Huldrekat (huldre sono spiriti della foresta che solitamente appaiono sotto forma di donne letteralmente “persone nascoste”). Lo Skogkatt è una grande razza di gatto, nota per le sue ossa forti e le forme muscolose.

L’immagine della dea Freyja nel suo carro trainato da due potenti gatti è stata un’icona classica fin dai tempi dei Vichinghi. L’islandese Snorri Sturluson, nel Gylfaginning in una sezione della sua prosa dall’Edda, ci dice:

Freyja è la più famosa delle dee. Ha una dimora in paradiso chiamata Fólkvangr, e quando cavalca in battaglia, metà dei morti appartengono a lei e l’altra metà a Óðinn. Come affermato qui: Fólkvangr è chiamato il suo regno e ci sono regole di Freyja. per i posti nella stanza dove va la metà dei morti che sceglie ogni giorno, l’altra metà appartiene a Óðinn. La sua stanza è Sesrúmnir, ed è grande e bella. Quando va all’estero, guida un carretto trainato da due gatti. Ella presta orecchio propizio agli uomini che la invocano, ed è dal suo nome che è servito il titolo affinché le donne nobili si chiamassero freyjur (“signora”).Le piacciono la poesia e le canzoni d’amore ed è bene chiederle di lei in queste cose.

È interessante notare che (e questo è un fatto che non sapevo fino a quando non stavo lavorando a questo articolo) sebbene i gatti di Freyja abbiano senza dubbio catturato l’immaginazione popolare, la vecchia letteratura nordica non ha mai registrato i nomi dei gatti della dea. Eppure scopriamo che hanno nomi e praticamente tutte le pagine Asatru o Odiniste accettano questi nomi per loro:

Un’autrice, Diana Paxson nel suo romanzo Brisingamen, avrebbe assegnato il nome poetico Tregul (“albero d’oro”, o ambra) e Bygul (“ape d’oro”, o miele) ai gatti di Freyja, come apparivano nella sua storia. . Ma non c’è più alcun riferimento a qualsiasi nome per questi animali.Non c’è alcuna prova nella letteratura norrena di questi nomi, ovviamente, ma hanno certamente il sapore della vecchia letteratura norrena e ammettiamolo, è più bello che semplicemente chiamare loro “i gatti di Freya”

Gli antenati dello Skogkatt erano probabilmente gatti a pelo corto dell’Europa meridionale che arrivarono in Norvegia da altre parti d’Europa in epoca preistorica. A causa della selezione naturale imposta da condizioni climatiche strane e ostili, sono sopravvissuti solo esemplari con un mantello particolarmente spesso e altri adattamenti a un clima freddo.

Le prime descrizioni letterarie sospettano che il gatto delle foreste norvegesi sia elencato come la casa dei miti norreni (per quanto riguarda i gatti), descrivendo i gatti grandi e forti, che trainano rapidamente il carro di Freyja o il gatto così pesante che nemmeno Thorr, dio del tuono, potrebbe sollevarlo da terra (sebbene questa sia solo un’illusione o un inganno magico di un gigante): i proprietari dell’attuale progenie di Forest Cats riconosceranno facilmente le loro grandi ossa e capiranno perché i potenti gatti appaiono in questi racconti.
Altrettanto potenti ed enormi devono essere i due gatti di Freya, una storia racconta di come Thor tenti di sollevare da terra uno di loro che dorme sul mantello di Freya, ma non riesce a spostarlo, tuttavia Thurdr sua figlia (a quel tempo ancora quasi una ragazzina) , prende un gomitolo di lana dalla borsa da toilette della dea e lo lancia per il pavimento del palazzo, con il quale il gatto scappa via e lei trionfante raccoglie il mantello e lo porge a Freya, trionfando così nel compito che suo padre non riesce a svolgere.

La prima descrizione letteraria che descrive inequivocabilmente il gatto della foresta è del pastore danese Peter Clausson Friis, che visse gran parte della sua vita in Norvegia. Nel 1559 Friis descrisse tre tipi di “lince”: il lupo lince, la volpe lince e la lince felina.

La razza Pans Truls, lo standard di razza del gatto delle foreste originale ha tratti molto simili alle linci, è facile intuire come la lince norvegese possa essere scambiata per la lince rossa.

I Pans Truls, lo standard originario della razza felina delle foreste, mostrano molte caratteristiche simili alla lince ed è facile vedere come anche la lince norvegese (Lynx lynx) possa essere scambiata per la lince rossa. Entrambe le razze sono molto simili alle linci, anche se hanno una pelliccia più spessa e di solito sono più grandi.
Si ritiene che l’animale che Peter Friis Clausson avrebbe chiamato “gatto lince” fosse in realtà lo Skogkatt, il gatto delle foreste norvegesi, una teoria resa più probabile dalle molte somiglianze nell’aspetto generale tra il gatto delle foreste e il gatto delle foreste. lince. La caratteristica più evidente di loro è che sono entrambi grandi felini, dalle gambe lunghe con grandi balze e ciuffi sulla punta delle orecchie. Sono anche felini che non amano l’acqua, e le storie di gatti che nuotano nelle foreste che nuotano i loro pesci nei laghi e nei fiumi sono innumerevoli. Il gatto delle foreste usa ovviamente gli stessi metodi della lince norvegese quando va a pescare.

La lingua norrena aveva diverse parole per i gatti e alcuni nomi registrati nei testi antichi. Questi si trovano in Cleasby, Richard e Guðbrandr Vigfusson. Un dizionario islandese-inglese. 2a ed. Oxford: Clarendon. 1957.

köttr – (sostantivo maschile) “gatto”. In origine il gatto selvatico o forse la donnola. “Sembra che al momento della stesura delle Saghe (più esattamente gli eventi in esse descritti) all’inizio dell’era vichinga (X secolo) il gatto non fosse ancora in casa, quindi i felini di passaggi come te cap 28, Es. S. Einh. Ch. 10, e la storia dell’Edda (Thor cerca di sollevare il gatto dal gigante) potrebbe essere applicata al meglio al gatto selvatico o al gatto selvatico e ciò che è stato detto in Isl ii.lc (vedi il gatto accovacciato nella sua tana come il topo) si riferisce probabilmente alla donnola, e la preda cacciata potrebbe essere il topo di campagna.Ma, poiché all’inizio del XII secolo il gatto era addomesticato anche in Islanda, abbiamo che il gatto che ci viene mostrato dalla storia dei giocatori di scacchi e dei gattini che saltano dopo una cannuccia è nuovo dal vento per terra, può essere già una razza domestica, come si racconta inMork. 204, 205 … “[P. 368 sv köttr]. Questo nome appare anche in Landnámabók cap. 38 come soprannome di Þórdr che si chiama köttr (e viene aggiunta un’altra parola che non è stata completamente decifrata, forse “furioso “???).

hreysi-köttr – (sostantivo maschile) un gatto selvatico trovato in o vicino a hreysi, “un mucchio di pietre (tumulo ???)” [p. 284 sv hreysi]

Kausi – (sostantivo maschile) “un gatto”. La parola Kausi appare come soprannome di un uomo, Þórðr Kausi, in Heiðarvíga capitolo 12, uno dei figli di Snorri el goði. [P. 334 sv Kausi]

kisa – (sostantivo femminile) “gatto”, soprannome per un gatto “. [P. 339 sv kisa]

kis-kis – (sostantivo femminile) “kitty” o “missy”, soprannome di un gatto, in spagnolo diremmo “michito” o “kitito”.

ketlingr – (sostantivo maschile) diminuitivo, “un gattino” [p. 338 sv ketlingr]

Fress – (sostantivo maschile) “tom-cat” potrebbe essere interpretato come un gatto artigliato, cioè una specie di gatto selvatico o particolarmente burbero.. [P. 173 sv Fress]

Hogni – [p. ? sv Hogni]. Potrebbe essere identificato come un gatto selvatico, un “parassita” arrabbiato e sicuramente pericoloso.

steggr – “cavaliere”, usato come nome per un gatto burbero, ma nel Danelaw in Inghilterra, questa parola era usata per un giro o per dare un’occhiata [p. 590 sv steggr]

kolr – letteralmente. “Nero come il carbone”, che viene utilizzato come nome di una razza di gatti scuri dal carattere piuttosto burbero. Si trova anche come nome di una persona umana, ad esempio, nella saga di Brennu-Njáls [p. 348 sv kolr]. Kolfinna Kolrbrum è una ragazza che appare in diverse canzoni maliziose, a quanto pare il suo soprannome deriverebbe dal colore nero dei suoi capelli.

Ketta – (sostantivo femminile) “gatto”. Questa parola è anche usata per descrivere una gigantessa. [P. 338 sv Ketta]. Il soprannome maschile kettu-hryggr è legato a una deformazione o caratteristica, che significa “schiena di gatto”, ed era probabilmente usato per descrivere un gobbo.

bleya – lett. “Morbido, codardo”, che è usato come nome di un gatto [p. ? sv bleya]

mjaldr – un gatto bianco con pelo lungo e buoni artigli (usato anche per un tipo di balena bianca, il termine è legato alla parola latte) [p. 432 sv mjaldr]

kattarauga – “occhio di gatto”, il fiore comunemente noto come “non ti scordar di me”. [P. 33 sv acqua]

gestaspjót – (sostantivo neutro plurale) si dice di un gatto che si alza sulle lance, quando le zampe posteriori sono dritte e si asciugano con quelle anteriori, segno che un estraneo si è avvicinato alla casa [ p. 197 sv gestar]

Glora – “splendente, splendente, splendente come gli (occhi) di un gatto” [p. 205 sv Gloria]
Engi DYNR verðr af hlaupi kattarins – (Proverbio) “Silenziosi sono i passi dei gatti”, Edda 19 [p. 111 sv dynja]. Un detto che denota che qualcosa viene fatto con la furtività, quindi è bene essere cauti perché ci si può aspettare un trucco o un inganno.

Altrettanto strani sono alcuni riferimenti mitologici meno noti, come gli stivali di Ole Kolpoje, un elfo che porta il sonno al più piccolo della casa, si dice che indossi stivali o ghette di pelo di gatto, con cui riesce a muoversi così silenziosamente da nessuno lo vede mai entrare o uscire di casa, quindi si dice che “il sonno arriva a passi di gatto” o fare qualcosa con grande cura è “muoversi come un gatto”.

Altrettanto degno di nota è il riferimento al legame dei gatti con la magia Seidr, si dice che i seidrkonas fossero toccati con cappelli o guanti guarniti di pelliccia di gatto della foresta (forse un riferimento al loro patrono Freya), alcuni fanno notare che gran parte del La chiesa “odio” per i gatti, arriva perché accompagnavano le streghe, negli ultimi giorni dell’era vichinga si dice che in Danimarca la chiesa arrivasse per costringere ogni abitante del villaggio ad andare a “benedire” i propri gatti in chiesa. non ha agito in questo modo, potrebbe essere accusato di strega.

Infine, c’è un mito che dice che Loki può trasformarsi in un gatto o in una volpe e che lui stesso ha insegnato a questi animali le sue abilità per pura noia.

 

Fonte WEB

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr